Lifting

Lifting è un termine anglosassone che letteralmente significa "rialzare" ed è forse più corretto del corrispondente italiano "ritidectomia" che letteralmente significa asportazione delle rughe.
Il trascorrere del tempo si fa notare sul volto e sul collo di ciascuno dalla comparsa di rughe più o meno sottili, dall'accentuazione dei solchi e dal rilassamento dei tessuti specie a livello della guancia. Il rilassamento coinvolge tutti i tessuti, non solo la cute ma anche il tessuto adiposo, le fasce e i muscoli sottostanti.
Non esiste un'età ideale alla quale sottoporsi a questo tipo di intervento variando il processo di invecchiamento da individuo a individuo; la fascia di età in cui viene maggiormente richiesto va dai 45 ai 60 anni. Prima viene eseguito più tardi si noteranno i segni dell'invecchiamento e meno invasivo sarà l'intervento.


L'intervento

Negli ultimi quindici anni la tecnica del lifting ha continuato ad evolversi. Oggi il lifting interviene su più piani così che non esistono più interventi standard. Ad ogni viso si adatta un trattamento di ringiovanimento particolare, secondo la sua morfologia, l'età del paziente, i suoi desideri. L'intervento può essere eseguito su diversi piani: sottocutaneo, sottofasciale, sottoperiosteo.

A seconda del distretto interessato dal rilassamento si potrà eseguire:

Lifting Frontale:
permette di distendere le rughe frontali e intersopraccigliari e di correggere la ptosi (caduta) delle sopracciglia. Può essere abbinato al lifting facciale così come al lifting cervicale. Può essere praticato mediante una incisione coronale (da tempia a tempia) o per via endoscopica attraverso piccole incisioni nel cuoio capelluto.

Lifting Facciale: è il lifting classico.
L'incisione chirurgica inizia all'altezza della tempia, tra i capelli, scende poi davanti all'orecchio e prosegue dietro il lobo lungo la faccia posteriore del padiglione auricolare per poi piegare nei capelli e qui terminare. Permette di distendere le rughe facciali, di ridurre i solchi nasolabiali e di ancorare i piani muscolari in tensione oltre che rimuovere la cute in eccesso.

Lifting Cervicale:
attraverso una piccola incisione aggiuntiva a livello della piega sottomentoniera permette di rimuovere l'eccesso di tessuto adiposo presente a livello del collo e di rimodellare i muscoli del collo mettendoli in tensione. Nella maggior parte dei casi il lifting facciale è associato a quello cervicale. Le cicatrici sono in gran parte tra i capelli e, nell'unico tratto esposto, anteriormente all'orecchio, risulta molto sottile e poco visibile. Frequentemente all'intervento di lifting si associa la blefaroplastica o la mentoplastica o la malaroplastica (modellamento zigomi). La durata del lifting varia dalle 3 alle 5 ore in base alle procedure che si associano alla tecnica classica.

Anestesia

Gli interventi di lifting vengono praticati in anestesia generale o in neuroleptoanalgesia (un anestesia a base di calmanti associata a una anestesia locale).

Postoperatorio

Il ricovero dura 24/48 ore. Durante questo periodo il viso rimane bendato. Dopo il lifting si verificheranno in maniera variabile gonfiore ed ecchimosi; il gonfiore scomparirà in una decina di giorni, le ecchimosi in 2-3 settimane.
5 giorni dopo il liftingvengono rimossi i punti di sutura davanti all'orecchio, i rimanenti dopo altri 5-6 giorni.
Le sensazioni dolorose dopo il lifting sono rare e soggettive. Più lente a scomparire possono essere le sensazioni di "compressione" del collo e di "rigidità" della parte inferiore del viso o una certa insensibilità delle orecchie.

Complicanze

Le complicanze dovute ad interventi di liftingsono infrequenti e sono legate alla formazione di ematomi sottocutanei, sofferenza temporanea dei nervi facciali motori, infezioni, sofferenza cutanea, formazione di cicatrici ipertrofiche.
Nei soggetti fumatori il rischio di complicanze è maggiore per la diminuita vascolarizzazione della cute.